Laboratorio Permanente - III livello

Laboratorio Permanente Avanzato a Milano

Frequenza: un appuntamento serale a settimana di 3 ore + 3 fine settimana intensivi (l’ultimo weekend residenziale si svolgerà presso la sede della Compagnia Teatrale Oltreunpo' sita nell’ Oltrepò Pavese)
Durata: dal 03 ottobre 2016 a giugno 2017

TEMA DI LAVORO: "Siamo fatti della stessa sostanza delle stelle”

OBIETTIVO: “Il nostro corpo è fatto di polvere di stelle”. Questo assioma scientifico unito alle parole di Prospero “Siamo fatti della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni”, tratte da La Tempesta di W. Shakespeare, sarà la materia del nostro percorso. È il nostro rapporto con il cielo che ci porterà ad alzare lo sguardo dalla punta dei piedi fino agli astri visibili ad occhio nudo; gli occhi del sognatore rivolti alla luna non sono lo sguardo smarrito dell’uomo, ma il suo riconoscersi nella materia che gli ha dato vita.
Durante il laboratorio i partecipanti saranno impegnati nel lavoro di studio e lavoro pratico con diverse opere teatrali come “Vita di Galileo” di B. Brecht, alcuni testi di W. Shakespeare e di autori che contemplano il rapporto con il Cielo e l’immaginazione; quest’ultima è proprio uno degli strumenti più importanti del lavoro dell'attore. La chiave di accesso al proprio mondo immaginativo e a quello del personaggio per sviluppare una relazione diretta tra il proprio intimo e l'arte, per meglio sviluppare il proprio processo creativo.
Il vecchio navigatore come miglior guida aveva le stelle: alzare lo sguardo per ritrovare la via, per ritrovarsi, per riconoscersi parte di un cosmo, per immaginare, per supplicare un aiuto, per esprimere un desiderio. Nasi in su.
Un percorso di consapevolezza e scoperta arricchito anche dalla collaborazione di Oltreunpo’ Teatro con l’Osservatorio Astronomico di Cà del Monte. 

PRIMO MODULO 
“La palestra dell'attore”

Il training come allenamento fisico, per poter lavorare con un corpo libero da tensioni e vizi posturali, in uno stato di disponibilità e in un agire aperto ed immediato.
Fondamentale sarà sviluppare la capacità di essere connessi con la propria parte vitale e creativa, per saper ascoltare e rispondere continuamente agli impulsi e alle intuizioni. 

SECONDO MODULO 
“Approccio ai testi teatrali di riferimento”

La maggior confidenza con se stesso, acquisita nel primo modulo, permetterà allo studente attore di lasciarsi guidare dalle proprie intuizioni nelle diverse fasi del processo creativo: 
lettura organica del testo; 
ricerca di quegli elementi che lo avvicinano al mondo immaginario del personaggio; 
preparazione e lavoro sulla scena in uno stato di coinvolgimento.
In questa fase ci si confronterà sulle questioni centrali dell’attore: dov’è la mia realtà e quella del personaggio mentre lavoro? Dove sono come “essere umano” e non come “attore” nell’atto creativo? 

TERZO MODULO 
“Il rapporto tra l’attore ed il regista”

In quest'ultima parte del Laboratorio, il lavoro attorale, che fino a questo punto è stato organico e guidato dagli impulsi creativi, si confronterà con la richiesta registica, in occasione dell’allestimento finale che verrà messo in scena con una doppia replica in teatro.

ACCESSO AL LABORATORIO: Il laboratorio è rivolto a coloro che hanno già intrapreso un percorso di studi teatrali, previo colloquio di ammissione.

LUOGO INSEGNANTE

Milano
Centro Studio
Via Segantini 75
M2 Romolo

Marco Oliva

Attività riservata ai soci dell'Associazione Culturale.

Chiedi maggiori informazioni


Accetti le condizioni?
SI NO